Lucio Passerini è uno stampatore, un’artista,  un’amante dei caratteri mobili e un amico. Milanese, barba contemplativa e sguardo vispo, con la sua casa editrice Il buon tempo (qui trovate il suo blog) stampa libriccini di piccolo formato ma dal grande valore artistico e letterario. In queste opere la parola e l’immagine prendono forma su una tela fatta di carta. Tutto è così perfetto e studiato da risultare naturale: è questo, dopotutto, il paradosso dell’arte.

Hypnotypomakia, un'opera... di carattere!

Martedì 9 novembre 2010, alle ore 17.00 alla Biblioteca Vallicelliana a Roma, Lucio aprirà la mostra delle sue opere: “Il Buon Tempo: le edizioni del torchio privato di Lucio Passerini”.

Alcuni aforismi di Carlo Dossi della collana Codicilli

Un’occasione per conoscere le sue originalissime collane editoriali: Una Poesia, libretti composti da una poesia e un’incisione tirati in 66 esemplari su carta Hahnemühle, Codicilli, un foglio piegato tre volte e cucito a una copertina in cartoncino in 50 esemplari su carta Hahnemühle, Album, la collezione eterogenea per formato, una sorta di pout pourrì passeriniano e infine L X E D P, la mia preferita, acronimo di Libri Xilografici Esenti Da Parole. Bé,direi che si spiega da sé.

Typo di Lucio Passerini della collana LXEDP, la mia preferita (e non dite chissenefrega!)

Io non me la perdo. E voi?

Lucio Passerini mostra una sua opera su linoleum

L'invito per la mostra

Annunci