La copertina diventa 3D. Il mercato editoriale non è riuscito a resistere al richiamo delle nuove tecnologie e la prima casa editrice a farsi ammaliare è stata la Vintage, un marchio di Random House, la più grande casa editrice del mondo.

Per ora sono stati previsti 5 titoli: Viaggio al centro della terra e Ventimila leghe sotto i mari di Jules Verne, Il richiamo di Cthulhu di H.P. Lovecraft, Il mondo perduto di Arthur Conan Doyle e Il pianeta delle scimmie di Pierre Boulle. In ognuno si troveranno in regalo un paio di occhialini verdi e rossi per gustare le copertine in 3D. I libri saranno disponibili da aprile 2011 a un prezzo compreso tra le 6.99 e le 8.99 sterline, come gli altri volumi della Vintage.

Visto che il lettore medio non è solito girare con tali ammennicoli, le copertine sono state studiate per essere piacevoli anche in due dimensioni: l’ampia presenza di toni gialli e neri, due colori che non sono affetti dagli occhialini, rendono l’immagine gradevole a occhio nudo, mentre il blu e il rosso, che danno l’effetto tridimensionale, non sono troppo invadenti.

Il richiamo al cinema è chiaro: ognuno di questi titoli è stato trasposto in un film e la grafica delle copertine è molto vicina a quella delle locandine cinematografiche, in particolare quella de Il pianeta delle scimmie col suo gorilla umanoide.

Questa non è certo una rivoluzione ma un’idea stuzzicante, un’innovazione, una provocazione. O forse una sciocchezza. Ma fatta bene.

Annunci