Charles Manson reappears at I love techno 2010!!

It’s not a cover but it’s amazing. Charles Manson reappears at I love techno 2010… Wow.

Libri d’artista in mostra a Roma

Lucio Passerini è uno stampatore, un’artista,  un’amante dei caratteri mobili e un amico. Milanese, barba contemplativa e sguardo vispo, con la sua casa editrice Il buon tempo (qui trovate il suo blog) stampa libriccini di piccolo formato ma dal grande valore artistico e letterario. In queste opere la parola e l’immagine prendono forma su una tela fatta di carta. Tutto è così perfetto e studiato da risultare naturale: è questo, dopotutto, il paradosso dell’arte.

Hypnotypomakia, un'opera... di carattere!

Martedì 9 novembre 2010, alle ore 17.00 alla Biblioteca Vallicelliana a Roma, Lucio aprirà la mostra delle sue opere: “Il Buon Tempo: le edizioni del torchio privato di Lucio Passerini”.

Alcuni aforismi di Carlo Dossi della collana Codicilli

Un’occasione per conoscere le sue originalissime collane editoriali: Una Poesia, libretti composti da una poesia e un’incisione tirati in 66 esemplari su carta Hahnemühle, Codicilli, un foglio piegato tre volte e cucito a una copertina in cartoncino in 50 esemplari su carta Hahnemühle, Album, la collezione eterogenea per formato, una sorta di pout pourrì passeriniano e infine L X E D P, la mia preferita, acronimo di Libri Xilografici Esenti Da Parole. Bé,direi che si spiega da sé.

Typo di Lucio Passerini della collana LXEDP, la mia preferita (e non dite chissenefrega!)

Io non me la perdo. E voi?

Lucio Passerini mostra una sua opera su linoleum

L'invito per la mostra

5o anni fa L’amante di lady Chatterley veniva prosciolto

“È un libro che davvero vi piacerebbe fosse letto da vostra moglie o dai vostri servi?” 50 anni fa Mervyn Griffith-Jones poneva questa famosa domanda alla giuria chiamata a giudicare la casa editrice Penguin per aver pubblicato in tascabile L’amante di lady Chatterley, il capolavoro di D.H. Lawrence al tempo bandito per il linguaggio licenzioso.

 

Foyles vendette 3000 copie del libro nella sola mattinata succesiva al processo

EM Forster e Rebecca West difesero il libro e l’accusa non riuscì a trovare scrittori tanto eminenti da schierare dalla sua parte. Il loro contributo fu fondamentale:  provando il “valore letterario” del volume e del suo linguaggio, il 2 novembre 1960 l’editore fu prosciolto e il libro dichiarato libero.

 

Introvabile, non c’è altro aggettivo che descriva lasituazione del libro nei giorni successivi al proscioglimento

La seconda edizione del romanzo uscì con una dedica alla giuria e andò a ruba: 3000 copie furono vendute dalla storica libreria londinese Foyles in una sola mattina. Con questa gallery voglio celebrare quell’evento, una vera pietra miliare nella libertà letteraria.

 

L’edizione celebrativa per il 50esimo anniversario. Fine e bellissima

Qui trovate un assaggio del romanzo.

Arrivano le copertine in 3D!

La copertina diventa 3D. Il mercato editoriale non è riuscito a resistere al richiamo delle nuove tecnologie e la prima casa editrice a farsi ammaliare è stata la Vintage, un marchio di Random House, la più grande casa editrice del mondo.

Per ora sono stati previsti 5 titoli: Viaggio al centro della terra e Ventimila leghe sotto i mari di Jules Verne, Il richiamo di Cthulhu di H.P. Lovecraft, Il mondo perduto di Arthur Conan Doyle e Il pianeta delle scimmie di Pierre Boulle. In ognuno si troveranno in regalo un paio di occhialini verdi e rossi per gustare le copertine in 3D. I libri saranno disponibili da aprile 2011 a un prezzo compreso tra le 6.99 e le 8.99 sterline, come gli altri volumi della Vintage.

Visto che il lettore medio non è solito girare con tali ammennicoli, le copertine sono state studiate per essere piacevoli anche in due dimensioni: l’ampia presenza di toni gialli e neri, due colori che non sono affetti dagli occhialini, rendono l’immagine gradevole a occhio nudo, mentre il blu e il rosso, che danno l’effetto tridimensionale, non sono troppo invadenti.

Il richiamo al cinema è chiaro: ognuno di questi titoli è stato trasposto in un film e la grafica delle copertine è molto vicina a quella delle locandine cinematografiche, in particolare quella de Il pianeta delle scimmie col suo gorilla umanoide.

Questa non è certo una rivoluzione ma un’idea stuzzicante, un’innovazione, una provocazione. O forse una sciocchezza. Ma fatta bene.

Jesus undercover/Copertine con Gesù

Qualche copertina assurda che vede come protagonista Gesù. Imperdibile.
Some fraky stuff about Jesus. It’s just a little selection but… I’m sure you will enjoy it!

Obama’s last book/L’ultimo libro di Barack Obama

A children’s book by US President Barack Obama titled Of Thee I Sing: A Letter to My Daughters, is scheduled to be released Nov 16. Well, the writers have to stop addressing their books to daughters, sisters, uncles or dogs… Why nobody ever wrote a book just for the readers? President Obama your book is nice but please the next time address it to us.


L’ultimo libro di Barack Obama Of Thee I Sing: A Letter to My Daughters, è un simpatico libro per bambini –sì, lì i presidenti scrivono libri per bambini mentre da noi…- ma ha un difetto: quel fastidioso sottotitolo, “a letter to my daughter”. Quando la smetteranno gli scrittori di pubblicare libri in forma di lettera e indirizzarli a figli, figlie, cani, gatti, zii, cugini e parentame vario?. Uno spiega il razzismo alla figlia, l’altro le sub particelle atomiche al pesce rosso. Basta, non se ne può più. A quando un libro indirizzato ai lettori?

Facebook: the ugly cover/Facebook: che brutta copertina!

While Facebook film was being released, I took a look at the cover of the book on which the film is based on. It’s called The accidental billionaire and it’s a fictional tale about the founding of Facebook by Mark Zuckerberg.
Now watch the trailer and then take a look to the cover. It’s Ugly, with capital U. The Italian publisher had copied the layout and translated the lettering. So, when publishers abroad make beautiful covers their Italian colleagues change them for something uglier. When the other make ugly covers, Italians copy them. What a shame…


In Italia ancora non è uscito ma all’estero sta spopolando. Il film su Facebook esce nelle sale e i giornali si dilungano nelle lodi. Il film è basato sul libro The Accidental Billionaire di tale Ben Mezrich, tradotto in italiano da Sperling & Kupfer con il titolo Miliardari per caso. Le copertine dei libri sono orribili, il che ci porta a una riflessione. Quando gli editori stranieri confezionano delle belle copertine, gli italiani le cambiano in peggio. Ma se all’estero ne fanno di orribili, i nostri compatrioti sono lì pronti a copiarle. Che tristezza.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.